sabato 24 settembre 2016

Spezzatino di maiale con funghi porcini


Una volta  con l'arrivo dell'autunno si ricominciava a consumare la carne di maiale.
Il norcino macellava a domicilio il suino allevato si può dire, in famiglia, sorvoliamo sul metodo usato per questa triste ma necessaria operazione.
Mio nonno, da giovane, aveva esercitato i rudi mestieri di norcino e barrocciaio ( carrettiere).
Sveglia all'alba e colazione con un uovo da bere e un bicchiere di vino: altri tempi e altre vite!
Io ho conosciuto un norcino che "sistemava" il maiale a casa di una carissima amica. Era un omino minuto e mite, ci si stupiva che si dedicasse a una attività così "sanguigna".
Poi grande banchetto cucinato alla grande. Si consumavano i tagli freschi e il resto, acconciato con competenza che non ammetteva errori, veniva gestito  con perizia nel corso dell'anno: prima mallegato ( sanguinacci) e biroldi, poi soppressata...ultimi prosciutti e salsicce, che, stagionati, arrivavano fino all'estate...e poi in novembre si ricominciava con il nuovo porcello cresciuto nel frattempo....
Oggi i sistemi di conservazione e la grande distribuzione ci forniscono di tutto in ogni stagione.
Con l'arrivo dei porcini, lo spezzatino di maiale trova un contorno davvero squisito!.
I bocconcini della carne è bene che siano piuttosto piccoli per insaporire meglio e cuocere più velocemente.
Nell'olio, dopo aver leggermente soffritto due o tre spicchi d'aglio e qualche foglia di salvia, si rosolano i bocconcini di maiale a fuoco vivo, si continua smorzando la fiamma e poi si aggiunge poco vino bianco, proseguendo la cottura a fuoco basso per circa 20 minuti. Quando la carne comincia a intenerirsi (assaggiare) si aggiungono i porcini puliti e affettati.
Aggiustare di sale e pepe e continuare la cottura per 10 minuti ancora circa.
L'aspetto invitante, con i colori caldi dell'autunno e il profumo dei funghi  misto a quello dei bocconcini anticipano il sapore di un piatto veramente squisito.


12 commenti:

  1. Pur non consumando molto spesso la carne, quella di maiale rimane la mia preferita. Ripensando ai tempi andati, certamente sono cambiate abitudini alimentari e modalità di macellazione, anche se... non so dire quali considerare più cruente. Oggi si consuma troppo, in generale, e questo comporta pagare vari prezzi, io credo.
    Considerazione a parte, la ricetta è stuzzicante e la proporrò in famiglia (purtroppo non posso mangiare fughi -_- ma qui ne sono ghiotti tutti!): solitamente lo spezzatino per noi si risolve in carne, patate, peperoni (o alte verdure) e pomodoro, questa è un'ottima variante!
    Ciao cara Marilena, buona domenica ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Glò,
      sapendosi regolare,la carne di maiale non è poi così peccaminosa: alla griglia perde ilgrasso, le parti magre lo sono più di altre carni.
      Quanto al gusto, è certamente all'altezza di carni più "nobili"!
      Anche per noi lo spezzatino più classico è quello di manzo con le patate, seguono piselli, barbe di prete, sempre in rosso...quello di maiale invece va con i fagioli( futuro post ) o i funghi, come questo e vale la pena provare in tavola!:-)

      Elimina
  2. Ma che buon piatto di carne, i funghi l'ha arricchito molto !

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Ciao Andree,
      quando si parla di funghi, gli estimatori si trovano sempre...per i porcini anche di più!:-)

      Elimina
  3. Volevo lanciare una lancia a favore di coloro che non allevano più i maiali per la propria famiglia perché ultimamente non solo non è più conveniente da un punto di vista economico, ma c’è anche un problema sanitario. La peste suina sta creando grossissimi problemi alle aziende suinicole, ogni tanto c’è un nuovo focolaio e sempre più c’è il divieto di macellazione, o il blocco del pascolo e delle esportazioni, per non dimenticare l’abbattimento di un intero allevamento. Con questa grave situazione, aggiungendo i costi per il mantenimento, sempre più famiglie preferiscono non allevarli più, inoltre a causa della peste suina non si possono più allevare allo stato brado….

    Ciao carissima la tua ricetta è da provare.

    RispondiElimina
  4. Ciao Inassia,
    quello che io ricordo nel post era un mondo di tanti anni fa (...la mia infanzia e anche prima) e oggi, come tu puntualizzi, le cose sono troppo cambiate.Mi ricordo il tuo post dove parli del prosciutto fatto in casa( applauso!!) e poi era inserito anche nel menu per Peter!
    Un abbraccio:)))
    Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel commento ho commesso un gravissimo errore nel punto in cui dico che non si possono allevare allo stato brado. Scusa ma scrivendolo in fretta non ho puntualizzato che si possono allevare allo stato brado non come in passato ma seguendo certe regole rigide per non diffondere eventuali malattie.
      Hai ricordato il mio post sul prosciutto fatto in casa, ebbene devi sapere che non riusciamo più a recuperare la materia prima genuina direttamente dai nostri amici perché non hanno più i suini, così ci affidiamo al nostro macellaio che capisce molto bene che cosa vogliamo…in altre parole cerca dove vogliamo noi.
      Continua a raccontarci storie lontane legate alla cucina…Ciao

      Elimina
  5. La scrupolosa puntualizzazione ti fa onore, cara Inassia! Quando parliamo di cose che ci stanno a cuore ci teniamo a comunicare informazioni precise.
    Sono molto distante, in senso geografico e ambientale, dalla realtà che mi descrivi, ma posso immaginare la difficoltà di continuare tradizioni come l'allevamento allo stato brado. Per fortuna il macellaio di fiducia capisce e risolve, così la vostra produzione può continuare con le caratteristiche originali.
    Un saluto...e un augurio di ben proseguire le vostre esperienze:-)

    RispondiElimina
  6. A proposito di Norcia vi sono stata anni fa e non si può non rimanere impassibili agli odori che i piccoli negozietti e bottegucce, sprigionano!!! Con tutte poi le varie bontà appese nelle vetrine :) Ottimo piatto, di solito faccio questo spezzatino ma con la carne di vitella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luna,
      hai proprio ragione,Norcia, come molti altri luoghi , si fa ricordare per la bellezza storica e suggestiva di questi borghi antichi, ma anche per profumi irresistibili, forse un po' invadenti, ma sempre stuzzicanti!Questo piatto nelle versione vitella, deve essere molto delicato, da provare:-)

      Elimina
  7. Molto appetitoso questo spezzatino con i porcini... e che profumino immagino!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Speedy,
      in effettib i funghi portano in cucina i profumi del bosco d'autunno:-)

      Elimina