sabato 2 febbraio 2019

Anelletti siciliani al forno




Quando mi avvicino ad una ricetta regionale, lo faccio sempre con un po' di dovuta esitazione:è un po' come entrare in casad'altri. Senza la pretesa di eguagliare i piatti di altre tradizioni, cercare di riprodurli è anche un modo di accostarsi a gusti diversi e diverse culture e ne vale senz'altro la pena...accontentandosi dei risultati e magari riipetendo    l'esperimento.  Da tempo vedevo sugli scaffali del supermercato questo simpatico formato, gli anelletti. Finivo sempre con il prendere in mano la confezione, leggere l'etichetta e poi il dubbio aveva la meglio sulla curiosità e rimettevo il pacchetto al suo posto, finché...una breve ricerca online e il tentativo si è tradotto in una buona cena con novità.
La foto non è da manuale, ma ho cercato di mostrare sia la superficie gratinata che quella interna: l'assaggio è migliore dell'effetto visivo, l'accoglienza della famiglia lo conferma alla grande!



Ingredienti e preparazione:
Anelletti siciliani: 400 gr
Macinato di vitello: 300 gr
Olio extravergine di oliva: 4 cucchiai
Cipolle: 1/2 Carote grandi: 1 Sedano (circa 2 coste):
Vino rosso secco: 1/2 bicchiere
Passata di pomodoro:350
gr Sale: q.b.
Mozzarella ben sgocciolata, o altro formaggio: 100
 gr Prosciutto cotto: 100 gr
 (Uova sode: 2)
 Pangrattato per spolverizzare: q.b.

Procedimento:
 Tritare finemente la cipolla, la carota e il sedano. Tagliare la mozzarella (o altro formaggio) e il prosciutto cotto a dadi
( e le uova sode precedentemente preparate, ma io ho omesso questo ingrediente, troppo distante dal nostro gusto nei i primi piatti).
 In una casseruola versare l'olio di oliva e aggiungere il trito di cipolla, carota, sedano e far soffriggere il tutto per 3-5-minuti.
 Aggiungere il macinato di vitello e lasciare cuocere per qualche minuto; poi aggiungere il vino rosso e lasciarlo sfumare facendo cuocere ancora 15 minuti.
 Quando il macinato risulterà cotto aggiungere la passata di pomodoro e continuare la cottura per altri 30-40 minuti. Poi togliere dal fuoco.
Intanto, cuocere gli anelletti in acqua salata e, quando sono al dente, scolarli e unirli al condimento, amalgamando il tutto.
Versare la pasta a strati in una teglia, aggiungendo tra uno strato e l'altro il formaggio a dadi, il prosciutto cotto,( le uova ).
 Sulla superficie formare uno strato di pangrattato e infornare a 180 gradi per 20 minuti circa (forno preriscaldato).

venerdì 11 gennaio 2019

Ciambellone al cacao




 Il Ciambellone al cacao pubblicato  un po' di tempo fa da da FABIOLA nel suo interessante blog
                         ROSSOPOMODORO http://rossopomodorocucina.blogspot.it
al quale già mi sono ispirata per questa torta al cioccolato
mi è venuto di nuovo in mente ( le cose buone non si dimenticano!) per offrire alla famiglia in queste prime gelide sere di gennaio un dolce che non facesse rimpiangere le dolcezze della tradizione natalizia, ampiamente presenti sulle nostre tavole nel periodo delle festività appena trascorse.
A giudicare dall'accoglienza, sono riuscita nell'intento, se lo sperimenterete sarete senza dubbio d'accordo con me!

Ingredienti per uno stampo da ciambella da 24 cm:

- 200 g di farina
- 50 g di fecola
- 100 g di cacao amaro
- 200 g di zucchero
- 150 g di burro (120)
- 200 ml di latte
- 3 uova
- 1 bustina di lievito per dolci
- 1 bustina di vanillina
- Un pizzico di sale
-  scaglie di cioccolato fondenteq. b.
Procedimento:
In un recipiente mettete le uova e montatele bene con lo zucchero, fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso. Aggiungete il burro fuso a bagnomaria, il latte e amalgamate.
In un altro recipiente mescolate la farina setacciata con il lievito, il cacao, la fecola, la bustina di vanillina e un pizzico di sale. Versare gradualmente il composto di polveri in quello liquido e mescolare bene. Imburrate e infarinate uno stampo da ciambella da 24 cm, versate il composto, cospargere con scaglie di cioccolato fondente e infornate in forno  preriscaldato a 180° per circa 50 minuti (è sempre opportuno verificate la cottura).
Lasciate intiepidire, sformate su di un piatto da portata e...buon ciambellone!!

martedì 8 gennaio 2019

Anelli di cipolle

Difficile resistere alla golosità del fritto, di qualunque genere esso sia.
Il profumo e la croccantezza rendono attraenti questi cibi, da sempre presenti sulla tavola in molte le occasioni.
Considerata una vivanda ricca per l'impiego di abbondante olio che richiede, un tempo era riservata alla mensa delle feste.
Oggi i "frittini", come li sento chiamare dai ragazzi, accompagnano buffet e bevute al pub, con grande assortimento di gusti e ingredienti.
Gli anelli di cipolle, ricavati dal taglio orizzontale delle cipolle, si ottengono pastellando gli anelli stessi con la pastella per erbaggi n°156 dell'Artusi, oppure aggiungendo alla pastella un pizzico di lievito che li aiuterà a gonfiarsi, rendendoli ancora più invitanti una volta fritti, scolati con cura e serviti caldi e profumati.
Ecco la ricetta più dettagliata:


Cipolle (2 grandi e tonde) 120 g
per la pastella
Farina 00 90 g
Uova 1
Latte intero 100 ml
Sale fino q.b.
Ingredienti per friggere
Preparazione

Per preparare gli anelli di cipolla in pastella  per prima cosa preparate la pastella: setacciate in una ciotola la farina e il lievito in polvere, aggiungete l’uovo, il latte  e l’olio di oliva ; lavorate con una frusta fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo. Coprite con della pellicola per alimenti e lasciate riposare per 30 minuti. Nel frattempo sbucciate le cipolle e, con un coltello, tagliate nel senso della larghezza delle fette di cipolla spesse mezzo cm circa.
Dividete, facendo attenzione a non romperli, gli anelli di ogni fetta. Scaldate, in una padella antiaderente, abbondante olio di semi; prendete la pastella e salatela; passate gli anelli di cipolla nella pastella  e quando l'olio avrà raggiunto i 180° immergete gli anelli.
Friggete gli anelli  fino a quando saranno dorati , poi fateli scolare su della carta assorbente  e, se occorre, aggiustate di sale. Servite gli anelli di cipolla in pastella ben caldi.

collaborazioni