domenica 3 agosto 2014

Carpaccio

Cosa c'è di meglio " Cuando calienta el sol", come diceva una famosa canzone degli anni '60, di un piatto che si prepara senza accendere il fuoco, ma che comunque è capace di accendere, eccome, l'appetito dei commensali?
Questa estate el sol non calienta molto, in realtà...
Quella canzone, qui a Vecchiano,  è legata ad un noto aneddoto paesano.
Antonio Tabucchi, prima di diventare lo scrittore che tutti conosciamo, purtroppo scomparso precocemente, durante gli anni della gioventù, trascorsi a Vecchiano, suo paese natale, prima che il Portogallo diventasse una seconda patria di adozione, si dilettava con altri due coetanei ad imitare i celebri Hermanos Rigual, che avevano lanciato il successo mondiale più clamoroso della stagione.
 I tre giovani epigoni giravano spudoratamente per i dancing ( leggi balere al nord, discoteche in seguito) e acconciati con poncho e sombrero, srtimpellavano e cantavano la celebre canzone, immortalati da foto dell'epoca e indelebili nella memoria dei compaesani, specialmente per i più giovani, come me allora, per i quali già erano una leggenda!

Dopo l'aneddoto vintage, veniamo al sodo, cioè ad uno dei piatti estivi per eccellenza:
  • adagiare le fette sottilissime di manzo, ottenute da un ottimo taglio e di comprovata freschezza,in un largo piatto da portata, in strati sovrapposti, irrorando ogni strato con olio misto a succo di limone in parti uguali, dopo aver cosparso di pepe e sale.
  • Aggiungere ad ogni strato una generosa spolverata di scaglie di parmigiano e insaporire a piacere.
  • Noi in famiglia si predilige l'aroma fresco della menta gentilis, ovviamente tritata fin issima. 
Un classico è rappresentato dalla rucola, per il suo inconfondibile tocco amarognolo. Secondo la stagione si può guarnire anche con un tenerissimo carciofo affettato  o un funghetto porcino tagliato a lamelle sottilissime.
L'unico aspetto da tenere d'occhio è la quantità e la frequenza nel consumare questa appetitosa pietanza, trattandosi di carne cruda, per un piatto che è una meraviglioa sintesi di semplicità e gusto.



2 commenti:

  1. Gus O. Orsini17/08/14 10:55
    Per una donna l'età giusta per sposarsi è sotto i trenta anni.
    Ti spiego il fatto della madre vecchia.
    Mia madre si è sposata giovane e ha fa concepito due figli.
    Io sono nato 15 anni dopo la primogenita. Mamma aveva 43/44 anni.
    Quando ero un ragazzino di 9/10 anni mamma ne aveva 53. Per me era vecchia e invidiavo gli amici che avevano madri di 32/33 anni
    CHI HA SCRITTO QUESTO COMMENTO QUI SOPRA NON E' GUS.
    LA DEMENTE HA PRESO ANCHE IL SUO BLOG.
    POSSIBILE CHE NON RIUSCITE A FERMARLA?? DOV' E' GUS ORA??
    Il blog di Gus : dicembre 2011
    guspensiero.blogspot.com/2011_12_01_archive.html
    Condividi
    Visualizza post condiviso
    di Gus O. Orsini - 05/dic/2011 - Mio padre non usava le mani. Non lo ha fatto nemmeno con mia sorella e mio fratello. Io ero il cocco di casa. L'ultimo nato dei figli. Dodici anni ...

    poi non lamentarti se ingrassi! :-)

    RispondiElimina
  2. Timore infondato, è una preparazione altamente dietetica, non sono queste le cose che fanno male alla salute.

    RispondiElimina