domenica 29 maggio 2016

Zuccherini


Si portano la dolcezza già nel nome, queste pastine rotonde, da sempre sinonimo di festa in famiglia. Da noi si chiamano paste, un nome generico che indica come, fino a qualche decennio fa, fossero gli zuccherini i dolci domestici più classici, vanto delle massaie prepararli con cura e pazienza, in modo che risultassero soffici e fragranti.
Le paste accompagnavano, disposte in piccoli vassoi di cartone, i confetti per gli sposi, i battesimi e le prime comunioni, anche con qualche cioccolatino; il tutto avvolto nella carta velina, veniva distrubuito a parenti e amici della famiglia  in festa, a rendere ufficiale l'evento  con un annuncio  che era anche un invito e anticipava le bontà, allora quasi esclusivamente casalinghe, del rinfresco e del pranzo del dì di festa.
Questa prassi era talmente consueta che la domanda "quando si mangiano le paste?" equivaleva per i fidanzati a un augurio e una sollecitazione a convolare presto a giuste nozze!
Usi del tempo passato che ormai hanno lasciato il posto a una realtà ben diversa, sotto tutti i punti di vista.
Per fortuna gli zuccherini, con la loro dolcezza casalinga, rimangono, golosi e profumati di vaniglia.

ZUCCHERINI  ricetta trovata nel blog:http://chiarassweets.blogspot.it/ Ingredienti  
  • 3 uova
  • 300 g farina
  • 175 g zucchero
  • 30 g zucchero vanigliato ( + quello necessario per spolverare)
  • 80 g burro
  • 1 cucchiaino ammoniaca, da sciogliere nel burro fuso (o 1/2 bustina di lievito per dolci, da setacciare sulla prima farina aggiunta)
  • Scorza limone grattugiata
  • 2 cucchiai di liquore dolce ( facoltativo, regolare la consistenza dell'impasto aggiungendo eventualmente circa gr 30 di farina)

Procedimento
Unire in un contenitore le uova, lo zucchero, lo zucchero vanigliato e la scorza del limone grattugiata e lavorare bene ( possibilmente con le fruste elettriche) per circa 5 minuti.
Aggiungere un po’ alla volta la farina setacciata, continuando a d amalgamare
Nel frattempo sciogliere a bagno maria il burro e quando è tiepido scioglierci bene dentro l’ammoniaca.
Aggiungere il burro con l’ammoniaca all’impasto e amalgamare bene.
Mettere una carta da forno sulla teglia del forno e con un cucchiaio deporre sul foglio piccole quantità di impasto.
Infornare per 10/15 minuti nel forno preriscaldato a 180°.
Volendo si può , abbreviando la prima fase della cottura, estrarre la teglia dal forno e con una paletta girare gli zuccherini e reinfornare per 2-3 minuti (il tutto molto velocemente).
Spolverizzare gli zuccherini  freddi con zucchero vanigliato.

                                                                                                                                                                                                                                                                                

4 commenti:

  1. Non conoscevo questi dolcetti dal nome così dolce :) Che belli e molto golosi!

    RispondiElimina
  2. Ciao luna,
    erano questi zuccherini i dolcetti più comuni in tutte le feste della mia infanzia,quando i prodotti industriali non erano ancora così diffusi.
    Anche per questo ci tengo a non farli cadere nel dimenticatoio...e poi sono veramente golosi!:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo fai benissimo cara :) Del resto le pubblicità di biscotti e merendine ci propinano genuinità ma la si può trovare solo nell'home made :)

      Elimina
    2. Verissimo, Luna,
      mettere da parte la pigrizia e realizzare cose, anche semplici, con il valore aggiunto della genuinità...per non parlare della bontà!:-)

      Elimina