gioco con invito

venerdì 2 gennaio 2015

Crostata di frutta


Dire crostata equivale a dire delizia per  grandi e piccini. Senza dubbio è uno dei dolci più conosciuti e amati, sia che provenga da una rinomata pasticceria, sia che esca dal forno di casa, realizzata dalle mani più o meno esperte di mamme, nonne e zie, ma anche  figlie e nipoti che desiderano continuare una dolce tradizione.
Una bella e buona  crostata di frutta di stagione è un'ottima soluzione per il dessert in ogni periodo dell'anno.
Anche nei mesi invernali, lasciando perdere i prodotti ortofrutticoli ormai presenti per tutto l'anno, la natura offre frutti adatti a preparare queste torte dall'aspetto veramente bello.
Si possono ottenere disegni e simmetrie che armonizzano  per forme e colori  e che donano un'estetica invitante per l'occhio, alla quale segue, all'assaggio, la bontà del sapore, dovuto dall'equilibrio tra pasta frolla, crema pasticcera e il  gusto caratteristico dei frutti prescelti.
Per questa versione sono stati usati, oltre alle rondelle ottenute  dall'esotica  banana, fettine di kiwi ,fette di arancia  e gli spicchi dei mandarini pelati al vivo, che spiccano con il verde e l'arancione.
Per la pasta frolla  si può vedere la ricetta delle pesche dolci nel post precedente.
 Per la crema :
  • 3 tuorli
  • 3 cucchiai colmi di zucchero
  • 3 cucchiai rasi di farina 00
  • 1 cucchiaio di zucchero vanigliato
  • 1/2 litro di latte
  • un pezzo di buccia di limone intero ( da togliere dopo la cottura).
Mescolare tuorli, zuccheri e farina e amalgamare con il latte già caldo, aggiungendolo gradualmente fino alla consistenza desiderata, sempre mescolando nello stesso senso e lasciar sobbollire per 2 minuti, allo scopo di far perdere il gusto crudo alla farina , facendo attenzione a non far "impazzire" la crema. 

Preparazione della crostata
Quando la crema è fredda, spalmarla sulla base di pasta frolla  precedentemente cotta in forno per circa 20' a 180° e procedere alla copertura con la frutta preferita. 
Completare con la gelatina preparata secondo le istruzioni della confezione, che darà al dolce , preservando la frutta dall'ossidazione, un aspetto più invitante.
Servire dopo qualche ora, in inverno il passaggio  in  frigo non è necessario.


8 commenti:

  1. Sono d'accordo con te. La crostata di frutta non delude mai .... e approvo in pieno : preferire sempre a frutta di stagione!! Brava!!

    RispondiElimina
  2. Benvenuta , Flavia, tra le Parole di contorno!
    condivido pienamente il concetto di mangiare sano e naturale, valorizzare la nostra immensa tradizione gastronomica, con il grande vantaggio di preservare la salute e soddisfre il palato!
    Marilena

    RispondiElimina
  3. Ciao Marilena, hai trovato una grande fan...sono golosissima e "diventare grande" non mi ha cambiata, ti faccio tanti complimenti e stai certa che adotterò questa ricetta per la mia prossima crostata!
    Buona domentica, Maura.

    RispondiElimina
  4. No no, non cambiare, Maura, ti perderesti una parte troppo buona della vita.
    Fammi sapere l'esito dell'esperimento crostafruttoso e grazie per essserti unita ai lettori delle Parole di contorno:-)

    RispondiElimina
  5. Ringrazio Flavia e lafenicerinascedase per l'adesione ai lettori delle Parole di contorno,
    a presto:-)

    RispondiElimina
  6. Ciao!! Ricambio la tua visita nel mio blog e ti faccio i complimenti x questa torta di frutta riuscita alla grande!! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Leena,
      spero che ritornerai a trovarmi.
      La crostata di frutta fresca si presenta bella e colorata in tutte le stagioni:-)

      Elimina