gioco con invito

martedì 9 dicembre 2014

Involtini con mortadella e sedano

Sono sempre graditi, al loro arrivo in tavola, forse proprio perché ce ne sono tante varianti: gli involtini si prestato ad essere preparati in anticipo, preziosa risorsa per massaie indaffarate fuori e dentro casa e, specialmente dopo un primo consistente, possono ben figurare anche con ospiti a pranzo o a cena, tanto si abbinano bene con le altre portate.
I nostri bambini, ora ragazzi, li hanno sempre indicati con nomi buffi : topini, maialini, porcellinotti, secondo la fantasia del momento,
alla maniera di personaggi delle storie o dei cartoni...e  a distanza di anni, fanno ancora così.
Scegliere  la ricetta per gli involtini di carne, variandone gl'ingredienti, permette anche di accontentare tutti e stimolare l'assaggio di nuovi abbinamenti,.
In questa versione, dopo avere salato leggermente la superficie delle fettine di manzo ( anche un po' di pepe ci sta bene) si adagia su ognuna  una fettina  di mortadella, completando con una piccola costa di sedano verde e un filetto di aglio.
Chiudere gl'involtini con uno stuzzicadenti, rosolare in poco olio, una sfumata di vino bianco e infine aggiungere 2 o 3 cucchiai di passata di pomodoro.
Aggiustare di sale e portare a cottura, facendo ridurre l'intingolo, che dovrà risultare della giusta densità per accompagnare gl'involtini nel piatto e...buon appetito con "scarpetta" garantita!

4 commenti:

  1. Bbbbuoniii! Mai fatti in questa variante: li proverò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono uno dei nostri piatti di famiglia, sconosciuti anche qui, credo che provengano dalla cucina umbra, meravigliosa regione d'origine di mio marito.
      Grazie per la tua presenza tra le parole di contorno:-)

      Elimina
  2. Involtini come questi si usa farli anche a Roma dove la mortadella è gradita molto! Mi ci ritrovo molto in questa ricetta, complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, cara Luna, la ricetta proviene dal Centro Italia. Ho imparato molto laggiù, dalle carissime parenti di mio suocero. una vera miniera di bontà, spesso anche economiche e dietetiche, di una cucina popolare eppure con tanti tocchi di finezza e gusto:-)

      Elimina