gioco con invito

venerdì 21 novembre 2014

Miglieccio



Proprio così, miglieccio con la "E" e non Migliaccio con la "A".
Uno dei dolci toscani più poveri e antichi, parente povero del più famoso castagnaccio, già incluso dall'Artusi nella sua celeberrima raccolta.
Il castagnaccio accompagnato da ricotta fresca è da sempre un cibo energetico e goloso, provvidenziale nelle sere invernali, specialmente in passato, quando la dispensa era più povera che ai giorni nostri.
In effetti  i due dolci si somigliano nell'aspetto, tranne che nel colore, dove al marrone del dolce a base di farina di castagne, il nostro miglieccio presenta un colore chiaro dorato, che deriva dall'impiego della farina di grano. Ed ha un gusto tutto suo, reso ancora più particolare dall'assenza del lievito, che dà una consistenza molto compatta all'impasto, in equilibrio tra il dolce e il salato.

 Ingredienti e preparazione


per un dolce povero e antico, teglia...
 In una terrina sbattere
 un uovo intero con un pizzico di sale.
Aggiungere gr 150 di zucchero semolato
gr 50 di zucchero vanigliato( facoltativo)
 e gr 300 di Farina "00".
Amalgamare con cura, 
...e tagliere "vintage"
diluendo l'impasto con
 circa gr 200 di acqua.
Versare il composto in una teglia unta con l'olio e cospargere la superficie con una manciata di pinoli o di noci triate grossolanamente
e un fili d'olio evo.
A piacere, rifiorire
con qualche ciocchetta 
di rosmarino.

6 commenti:

  1. Non conoscevo questo dolce *__* Mentre il castagnaccio si fa anche qui dalle mie parti (ed è ottimo).
    Penso che lo proverò! Mi incuriosiscono i sapori delle tradizioni regionali e non amo troppo le "sofisticazioni"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Glò,
      il castagnaccio ha una fama nazionale ampiamente giustificata!
      Questo dolce-non dolce invece è diffuso, e ormai poco preparato, in una zona ristretta del Pisano, ma vale la prova e sa di antico!

      Elimina
  2. ahahah quando ho letto ho pensato ad un errore di battitura e invece...... non conoscevo questa ricetta, grazie per averla condivisa!!!!
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonella,
      ho letto la ricetta del migliaccio emiliano sull'Artusi, ma non mi azzarderei mai, è fuori dalla mia portata!
      Questo miglieccio è di una semplicità assoluta e di piacevole assaggio, nelle sere autunnali...

      Elimina
  3. Come m'ispira questa ricetta! Sembra buonissima!
    Complimenti! A presto... Dream Teller ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il miglieccio ha la bontà delle cose semplici , che sanno di famiglia e di serate in compagnia !

      Elimina