martedì 3 gennaio 2017

Pappardelle al cinghiale

Un grande primo, anzi un piatto unico che in queste fredde serate è l'ideale per scaldare l'atmosfera ( e non solo) di una gustosa cena.
Dopo la solita bagna per ingentilire una carne dal sapore forte e deciso, il ragù viene preparato con abbondanti odori e aromi.
A metà cottura, una parte della polpa di cinghiale viene sminuzzata, o meglio sfilacciata minutamente per arricchire il sugo, mentre una parte viene tagliata a cubetti che resteranno interi per accompagnare la pasta.
La pasta fatta a mano tirando una classica sfoglia all'uovo è stata tagliata a mano con l'aiuto di un picolo listello di legno, fatto a misura ( circa 2 cm di altezza), usando una rotella dentellata per ottenere l'effetto mosso ai lati.
Condimento abbondante, completato da pecorino o parmigiano o grana , secondo i gusti.

10 commenti:

  1. Adoro la pasta che hai appena descritto!
    Un abbraccio e buone feste :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Angela,
      ricambio gli auguri per la fine delle feste e un buon proseguimento dell'anno nuovo:-)

      Elimina
  2. Risposte
    1. Verissimo Sonia!
      Confermo, un classico che incontra sempre una grande accoglienza!

      Elimina
  3. da fare bis e tris.. e se ne avanza riscaldate a cena!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido, cara Simo,
      ma qui non si arriva mai a scaldarle!:-D

      Elimina
  4. Che piatto godurioso e sicuramente di una bontà unica,non immagini quanto lo vorrei anche in questo momento,bravissima:)).
    Un bacione:)Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosy,
      un piatto sempre gradito, che porta in tavola la buona tradizione della nostra cucina.
      Saluti cari:-)

      Elimina
  5. Auguroni di Buon Anno Nuovo :) E complimenti per questo magnifico piatto che fa sempre gran gola a tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricambio a te, a Blade e a Barbapapà gli auguri per un sereno 2017, pieno di cose buone in tuttii sensi:-)

      Elimina