lunedì 22 giugno 2015

frittelle di bianchetti





Ne ho sempre sentito parlare, me le hanno anche proposte in diverse occasionib in ristoranti di zone costiere diverse, ma non mi sono mai lasciata tentare dall'assagggio.
Sarà per quei nomi un po' strani che questi pesciolini prendono, soprattutto in Sicilia, dove quel "frittelle di neonata" mi faceva rabbrividere  e cambiare immediatamente argomento!
Poi, potere occulto del supermercato, la curiosità ha prevalso e ne ho acquistato una confezione, surgelata, ovviamente.
Niente a che vedere con il pescato fresco di profumi marini e salmastro, ma l'esperimento ormai era iniziato!
L'aspetto della confezione era quanto di più diverso ci può essere da un pesce: un parallelepipedo di ghiaccio, delle dimensioni di un libro in edizione tascabile, con un'etichetta così poco appariscente che non me la ricordo affatto.
Si sono susseguite le operazioni di scongelamento, lavaggio ( molto accurato!) e scolatura ...e poi ricerca di aiuto in rete.
Per questa ricetta ho preso ampia ispirazione dal prestigioso food blog
http://www.giallozafferano.it/

La ricetta per le frittelle di bianchetti è assai nota come una delle preparazioni tipiche di molte regioni, con alcune varianti, tanto da poter seguire anche il gusto personale.
Per 300 gr di  bianchetti, formare una pastella piuttosto densa, amalgamando a 3 uova medie sbattute circa 150gr di farina, sale e pepe q.b. Unire il parmigiano reggiano grattugiato ( 5/6 cucchiai), mezzo bicchiere di latte o acqua, 2 cucchiai  di prezzemolo e uno spicchiod'aglio tritati. Infine aggiungere mezzo cucchiaino   di lievito chimico in polvere.
Dopo aver fatto riposare l’impasto per mezz’ora  a temperatura ambiente, unite i bianchetti , mischiando delicatamente. Portare a temperatura giusta  l'olio nella padella e versare l'impasto  a cucchiaiate; far dorare le frittelle da ambo i lati   e  scolarle su della carta assorbente.
Le frittelle di bianchetti  sono pronte per essere servite, sia calde che fredde

4 commenti:

  1. Non li mai cucinati neanche io ma mangiati una volta, sempre frittelle, da una mia amica ed erano molto buoni. Immagino anche le tue sono buonissime ! Si sa che con il pesce fresco è sempre meglio, ma quando non c'è si fa come si può.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nell'arte di arrangiarsi, le frittelle sono una strada sicura...e golosa!
      Ciao Andreea:-)

      Elimina
  2. I bianchetti li conosco! O meglio me li ha fatti conoscere mia suocera che cucina divinamente il pesce :) Gnam questa ricetta è davvero super golosa :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo un po' di pregiudizio, sai Luna, per via della riproduzione della fauna marina, talvolta si eccede nello scrupolo.
      Sono davvero buoni e buone le frittelle:-)

      Elimina