gioco con invito

lunedì 17 agosto 2015

sformato di zucchine






A Carrara lo chiamano tortino, qualunque siano le sue dimensioni ed è uno dei piatti a base di ortaggi più gettonato dell'estate, sia come portata principale che come stuzzichino tra gli antipasti. Ma è sempre lui, lo sformato di zucchine, un buon piatto completo e saporito e anche vegetariano per i molti che hanno optato per questa scelta alimentare.
Avendone ricevuto un abbondante omaggio ( in campagna capita che nel momento clou del raccolto i coltivatori ne distribuiscano a volontà a parenti e conoscenti, grazie!) ho pensato che preparare uno sformato era una buona soluzione per usare, come ho fatto per questa ricetta, un kg e mezzo di zucchini , prima che perdessero il sapore della freschezza che caratterizza questi ortaggi appena raccolti.
Ingredienti e preparazione: 
In una grande padella far rosolare  molto dolcemente gli zucchini tagliati a rondelle, con poco olio di oliva e coperti, perché non si coloriscano, con sale e pepe.
Quando sono teneri( ovviamente saranno calati molto di volume), spengere il fuoco e lasciarli raffreddare.
Aggiungere 3/4 cucchiai di parmigiano o grana grattato, 4/5 cucchiai di pangrattato ( deve dare corpo al composto), una manciata di foglie di basilico tritate grossolanamente e 2 uova frullate.
Amalgamare con cura, aggiustare di sale e pepe e, volendo, un po' di noce moscata, e formare in una teglia imburrata un primo strato con metà del composto.
Fare uno strato di formaggio (emmenthal o sottilette) e completare con l'altra parte dell'impasto
(lo strato di formaggio è facoltativo).
Cospargere la superficie con altro parmigiano e pane grattato per ottenere la fatidica crosticina e infornare a 200° per 30'...o fino alla comparsa della suddetta crosticina dorata.

14 commenti:

  1. Grazie dell'idea,la proverò,buona settimana Marilena!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Olga,
      zucchine a go go in estate:-)

      Elimina
  2. Delizioso! Mi piacciono abbinate all' emmenthal!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Andreea,
      l'emmenthal è una variante gradevole, in effetti.
      Un grande saluto:-)

      Elimina
  3. Togliendoci il formaggio e le uova e sostituendole con scaglie di lievito e con il tofu (o con farina di soia o con fecola) diventa vegano ed ottimo. Ciao un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, Annamaria,
      anch'io pensavo a una variante vegana da proporre,grazie per averci pensato tu!
      Ma si possono anche solo eliminare uova e formaggio, lo sformato è buono e leggero lo stesso.
      Un saluto affettuoso:-)

      Elimina
  4. Risposte
    1. Grazie a te, Cristiana.
      Ottimo per gli appassionati di sformati:-)

      Elimina
  5. ma che buonoooooooo!!! bravissima!!! ne vorrei proprio un bel piattone!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Erika,
      le porzioni abbondanti danno più soddisfazione, vuoi mettere?!:-)

      Elimina
  6. Risposte
    1. Ciao Glò,
      ne vale la pena!
      Grazie per la tua presenza...e per i G+:-)

      Elimina
    2. Meritatissimi i plus! E mi piace un sacco curiosare qui ;) Vorrei soltanto avere più tempo per dedicarmi alla lettura dei blog :P Penso sia il problema di tutti noi!

      Elimina
    3. In effetti il social è più rapido, ma il blog è un ambiente più personale, anche se richiede più tempo.
      Si fa quel che si può:-)

      Elimina