gioco con invito

martedì 24 marzo 2015

Schiacciata di Pasqua

Buona degustazione 
e Buona Pasqua
a Pisa, a Livorno   o dovunque voi siate!

La mitica schiacciata di Pasqua, che poi proprio schiacciata non è, anzi il pregio sta proprio nella lievitazione che la fa somigliare piuttosto ad una torre, ha origini sospese tra Livorno e Pisa.
Meglio non approfondire e gustiamoci questo dolce pasquale e primaverile, dal gusto rustico e un po' asciutto, da aiutare con un buon bicchiere di vino rosso, o anche santo, dato il periodo tradizionale della sua produzione domestica.
Infatti tra i dolci di pasqua: la treccia, la colomba, la schiacciata, quest'ultima, dalle nostre parti reperibile sul mercato in buone versioni commerciali, è ancora  spesso preparata in casa.
E' buonissima anche inzuppato nel caffellatte, per una colazione che richiama tempi lontani, di cucine, madie e dispense, dove si trovava sempre qualcosa di buono per quando "s'allenta un punto", come si dice noi per rendere l'idea di quel languorino che non è ancora fame, ma si fa sentire e come.
La difficoltà della schiacciata, dolce con pochi ingredienti semplici ed economici, è tutta nella lievitazione, che deve essere lenta, in modo che, nel recipiente di cottura, l'impasto possa raggiungere il massimo livello ...e attenti a non farlo "passare": bisogna spiare il punto giusto, con pazienza e tempismo, preparando il forno già caldo.
L'Artusi la fa lievitare in quattro giorni, altre ricette ne prevedono due e si trovano numerosa varianti, sempre con lievitazioni plurime della "biga", così è detto l'impasto primario, che viene rimaneggiato e arricchito di ingredienti in più fasi di lavorazione.
Insomma c'è di che scoraggiare un spirito meno che determinato.
Una difficoltà notevole ai primi tentativi è anche la proporzione tra il recipiente e l'impasto, per ottenere il cappello bombato, che per adesso, nel mio caso, resta un pio desiderio, ma col tempo, chissà...
In tempi di semplificazione, contendandosi di un discreto risultato, sebbene fuori dalle regole canoniche, questa ricetta, che devo alla gentilezza di Daniela, un'amica e compaesana competente in materia, permette di realizzare la fatidica schiacciata con un'unica fase di lievitazione di 5 ore  e con un risultato apprezzabile, che solo un palato esperto è in grado di distinguere  dall'originale.


Ingredienti  e preparazione

Dose per una schiacciata di medie dimensioni

  • 3 uova
  • 50 gr. di burro
  • 425 gr di farina di grano tenero tipo "0" 
  • 1/ 2 bicchiere di latte
  • La scorza grattugiata di 1/2 limone
  • 175 gr di zucchero
  • un cubetto di lievito di birra
  • un cucchiaio scarso di anaci
  • una "sfumatura" di aroma di fiore d'arancio
  • due cucchiai di liquore ( Strega, basilico, sassolino...)          

    Sciogliere il lievito nel latte tiepido.
    Sbattere le uova con lo zucchero.
    Aggiungere il burro fuso, gli anaci, l'aroma di fiore d'arancio, il liquore, la scorza di limone, la farina (poco per volta) e, per ultimo, il lievito sciolto nel latte.
    Imburrare bene lo stampo, versarvi l'impasto e far lievitare in un luogo tiepido per 5 ore, aiutando la lievitazione, se l'ambiente fosse freddo, con vapore sottostante o nel forno riscaldato per pochi minuti e poi spento.
    Una buona soluzione è esporre lo stampo dietro il vetro di una finestra, sfruttando l'effetto serra del sole Infornare a forno caldo a 180° per 40' o più.


15 commenti:

  1. Ma questa schiacciata è spettacolare ! Ne vorrei una fettona ora :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mariagrazia,
      qui è un dolce molto popolare e si anche per regalarlo a Pasqua: purtroppo a distanza ti posso regalare solo l'immagine ...e la ricetta:)

      Elimina
  2. Ti è venuta ben lievitata e chi sa quanto è buona e soffice ! Una fettina per merenda non guasta !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Andreea,
      la ricetta originale è molto più complessa e lunga, ma ci si può contentare di questa versione.
      La sofficezza non è una qualità di questo dolce, che, malgrado la lunga lievitazione e l'altezza che raggiunge, ha la caratteristica di essere un po' asciutto, fa parte del gusto tipico:)

      Elimina
  3. Ringrazio Daniela per essersi unita ai lettori delle mie Parole di contorno;
    visiterò con piacere il suo blog al più presto!
    :-)

    RispondiElimina
  4. ha un aspetto molto invitante, dev'essere molto buona questa schiacciata dolce!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona e rustica, come le cose della tradizione, che ci parlano del passato!
      :)

      Elimina
  5. Buona..mi manca tanto. Mi nonna quando era piccola la faceva..ma ricordo che impiegava anche una settimana a farla, mia mamma mi parlava che quando era bambina lei, erano quindici giorni di lavorazioni, ma mi sembra un po' tanto...Con il tempo si è perso la tradizione e si è finito per comprarla in pasticceria....ma non è più stata la stessa cosa. Ciao Marilena e grazie mi hai fatto rivivere un po' quei momenti. Buona giornata, Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefania,
      anch'io sento dire di tempi molto lunghi per la lievitazione,un aspetto delicatissimo e facile da compromettere, legato alla temperatura e all'attenzione a non muovere maldestramente il recipiente, insomma un'opera magna!

      Elimina
  6. Wow come è lievita bene! Alta altissima! Un capolavoro e chissà che buona!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutte le volte è un gran batticuore, Luna, ti assicuro, ma ne vale la pena!

      Elimina
  7. Ciao,ti ho scoperta per caso,questa tua versione di Schiacciata di Pasqua mi piace molto.Complimenti...Ciao Luna <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Licia,
      ti renderò la visita al più presto!
      Questa è una versione facile, ma richiede il suo impegno...e mantiene le promesse:-)

      Elimina
  8. Alta, soffice e splendidamente lievitata, che meraviglia, bravissima!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, è una ricetta che dà soddisfazione e rispetta il gusto di questo dolce tradizionale del tempo di Pasqua:-)

      Elimina