gioco con invito

giovedì 23 giugno 2016

Coste di bieta ripiene e fritte

Quando le foglie di  bieta presentano delle  belle coste carnose larghe quattro dita, è il momento di provare questa ricetta.
  • Lavare la bieta e tagliare le costa subito prima dell'inizio della foglia.
  • Lessare  le foglie a parte e utilizzarle secondo la necessità.
  • Scottare a parte anche le coste in abbondante acqua  leggermente salata, scolarle quando sono ancora dure e lasciarle asciugare completamente ( si può accellerare l'operazione stendendole su un canovaccio).
  • Poi procedere a farcirle adagiando sopra ad ognuna di esse una strisciolina si sottiletta o emmenthal, una strisciolina di prosciutto cotto e ricoprendo il tutto con un'altra costa di uguale misura.
  • Alla fine di questa operazione, prendere ogni coppia di coste così farcita, passarla prima nel pane grattato e poi nell'uovo sbattuto.
  • Friggerle in padella in abbondante olio di semi, scolarle su carta assorbente servirle calde.
Le coste così preparate hanno un aspetto molto invitante e un gusto veramente delicato.
Accompagnano molto bene ogni tipo di fritto di carne, ma dopo un buon primo possono anche sostituire il secondo piatto.

11 commenti:

  1. Buone le coste fritte, li avevo fatte anche io avvolte nella pancetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me le ricordo, Andreea, le te ottime coste e mi hanno rimesso in mente queste!:-)

      Elimina
  2. io di solito uso i cardi, ma devo dire che l'idea delle coste non è male...le farò di sicuro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola, proverò anche i cardi, tutte cose golose, troppo buone!:-D

      Elimina
  3. Wow che ricetta golosa! Non sapevo neanche si potessero utilizzare le coste di bieta in questo goloso modo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luna,
      quando le vedo mi sgomento un po' perché non sono così semplici da fare, il rischio è che vengano oliose, ma poi le cucino con grande gioia dei golosi, anche loro, familiari!

      Elimina
  4. Scusa ero talmente presa dalla ricetta che ho scritto due volte lo stesso aggettivo....goloso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e hai fatto bene, sono due volte golose, perché buone, perché fritte!!:-D

      Elimina
  5. Non amo molto le coste, forse così però...sembrano davvero gustose.
    Un bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Mariella,
      c'è costa e costa: Costa Azzurra, Costa Smeralda, Costa di Bieta, ognuno fa del suo meglio!!:-D

      Elimina
  6. Mamma che buone *_* devo provarle, però ci metterò la provola magari!

    RispondiElimina